Il gabbiano di A. Cechov   1 comment

Questo spettacolo è stato realizzato con cinelab, a seguito di un approccio basato sul metodo Strassberg-Meisner di lavoro sui personaggi.

presso Teatranzartedrama 

REGIA di Luca Busnengo
Aiuto Regia : Fabio Padovan, Cecilia Bozzolini

“…quello che conta
è la capacità di sopportazione”
Nina

I  grandi temi che stanno alla base di questo testo così fortunato sono estremamente importanti: il conflitto generazionale nella doppia dimensione genitori/figli e artisti affermati/giovani artisti debuttanti; i ragionamenti sull’arte e in particolare sulla scrittura e sul teatro; l’amore, tonnellate di amore in tutte le sue forme e varianti possibili, vissuto, negato, nascosto; lo scontro tra forme artistiche diverse come realismo e simbolismo; il teatro nel teatro; il suicidio. Ma non è sufficiente l’elencazione degli argomenti per capire in modo approfondito il fascino del Gabbiano.

C’è qualcosa di più, di magico, di malato, nel modo in cui Cechov racconta questa storia e dipinge con straordinaria precisione i personaggi che la vivono, c’è il suo stile, ci sono le sue atmosfere, c’è la capacità di ridere attraverso il pianto e piangere attraverso il riso, come nella vita, che fa di questo autore il più grande interprete moderno dei linguaggi del teatro e, allo stesso tempo, uno dei più acuti conoscitori dell’essere umano, delle sue debolezze ma anche delle sue potenzialità affettive e positivamente etiche.

La scena è pallida, assente, in bianco e nero. Gli attori inscatolati in una casa cubo delimitata da una quarta parete di tulle che allontana e avvicina allo stesso tempo lo spettatore che si trova a spiare il dolore che racchiude quella casa “maledetta” all’interno della quale non trova spazio la speranza e i sogni e le aspirazioni si infrangono inerti sulle rive del lago incantatore e i personaggi si muovono come sospesi, come fantasmi, anch’essi grigi, anch’essi in bianco e nero.

pubblicato maggio 31, 2012 da attioscene

Una risposta a “Il gabbiano di A. Cechov

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Coerentemente con il lavoro particolarmente incentrato sull’intensita’ emotiva interiore dei personaggi, tipica dell’opera di Cechov, la messa in scena e’ incentrata su di una immobilita’ “agitata”, in cui le emozioni, costrette all’interno dell’involucro materiale dei personaggi, non vengono mai mostrate in modo sano. Sono messe in maschera. Ma si tratta di maschere taglienti, che non possono non lasciare ferite nelle anime dei personaggi. La comunicazione tra personaggi e pubblico, avviene, purtroppo, a causa di queste ferite. Alla compassione che generano, inevitabilmente, in un animo sensibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: